PERSONAL BIOPOINT A MILANO

 
POLAROID MANIPOLATE

Un artistico omaggio alla presentazione di una nuova linee di prodotti a Milano
 
Rino Giardiello ©Un'assurdità?
No, semplicemente la felice intuizione della INTERCOSMO per il lancio di una nuova linea per il marchio BIOPOINT...

Cosa si può inventare per presentare alla Stampa una nuova linea di prodotti per i capelli? Ormai è stato fatto quasi di tutto, ed è sempre più difficile catturare l'attenzione dei giornalisti che vengono invitati in queste occasioni, spesso distratti ed annoiati anche per colpa della piattezza dell'evento. A poco servono i rinfreschi sempre più ricchi e sofisticati: alla fine si tratta sempre della stessa routine ed il nome e le caratteristiche del nuovo prodotto vengono annotati distrattamente tra una tartina, un calice di vino bianco ed uno scambio di battute col collega che non si vedeva dalla precedente presentazione.

La Intercosmo non voleva che accadesse questo e, prendendo spunto dalle caratteristiche del nuovo prodotto "Amply" (così chiamato perché aumenta, "amplifica" il volume dei capelli), ha pensato di abbinare un evento alla presentazione. L'invito prometteva "Presenta questo invito e Amplyficheremo il tuo volume" e forse qualcuno temeva che gli facessero qualche trattamento ai capelli stesso lì, nella bella Galleria Pace in zona Brera a Milano, ma, una volta sul luogo, si è trovato all'interno di un vero e proprio set fotografico. L'evento principale a sostegno del lancio era il fotografo-artista Rino Giardiello, noto manipolatore di immagini Polaroid da oltre un ventennio, senz'altro uno dei primi ad adoperare questa tecnica in Italia come si può riscontrare nei numerosi articoli pubblicati agli inizi degli anni '80.

Dunque il visitatore arriva, viene accolto da due graziose assistenti che ritirano il suo invito e lo accompagnano sul set, dove Rino Giardiello scatta le foto con una fotocamera Polaroid e, di gran fretta perché lo sviluppo completo dell'immagine Polaroid avviene in pochi minuti, le manipola "in diretta", dinanzi agli occhi sbalorditi e divertiti degli invitati.
L'intervento previsto era, ovviamente, mirato solo ad aumentare il volume dei capelli, ma in breve l'evento assume le caratteristiche del gioco e si crea una piccola folla intorno al set ed al tavolo dove Rino Giardiello elabora le fotografie. "Ma come fa senza computer?" è la domanda più ricorrente mentre, una dopo l'altra, le immagini Polaroid vengono trasformate in caricature dalla mano veloce dell'artista, firmate ed inserite in un portaritratti preparato per l'occasione. Non serve rispondere, la risposta è lì, all'interno dell'emulsione Polaroid modificata quasi per magia grazie ad uno stilo arancione. Il colore si sposta, diventa fluido, va dove deve andare: non si può sbagliare e non c'è tempo per le esitazioni. I risultati sono incredibili, gli invitati si divertono, ridono e confrontano le rispettive caricature: la nuova linea "Amply" non solo ha mantenuto la promessa di amplificare il volume dei capelli, ma ha amplificato anche il piacere della presentazione ed il ricordo dell'evento.

Alessandra Verdecchia, 15 aprile 2002

Rino Giardiello ©




Milano, lunedì 15 aprile 2002 - ore 18.00
Galleria Pace, piazza San Marco 1
Presentazione del nuovo programma "Amply" della BIOPOINT
Intercosmo S.p.A. - Bologna - Italia







Rino Giardiello ©

L'interno del biglietto d'invito - Sulla destra era già previsto lo spazio dove sostituire la Polaroid stampata
(anche la graffetta fa parte del biglietto) con quella manipolata durante la manifestazione.


Rino Giardiello ©

Rino Giardiello ©

A sinistra

Rino Giardiello intento ad elaborare una Polaroid subito dopo lo scatto che veniva effettuato appena più in là, nel piccolo set fotografico allestito per l'occasione in una sala della Galleria Pace. L'assistente provvedeva subito dopo ad incollare la Polaroid manipolata nello spazio predisposto sull'invito (in pratica sovrapponendola alla Polaroid stampata. Vedere, sopra, l'interno del biglietto d'invito).




Rino Giardiello ©

Rino Giardiello ©

Rino Giardiello ©
Un esempio del risultato finale consegnato a tutti gli invitati: gli interventi erano, ovviamente, diversi a seconda dei soggetti, ma la costante era sempre l'aumento smisurato del volume dei capelli.
Molti invitati avevano preso talmente gusto a questa sorta di caricatura che hanno richiesto più foto, la prima secondo le modalità previste per la manifestazione e le altre divertendosi insieme al fotografo-artista nel creare situazioni stravaganti per simpatiche elaborazioni che potevano fare concorrenza ai più famosi programmi per computer, ed invece era tutto in diretta, tutto fatto a mano intervenendo direttamente sulla stampa Polaroid e tutto giocato sul filo dei secondi!
In questo caso la Polaroid, da sola, non basta, come non basta saperla deturpare agendo con un bastoncino sulla sua superficie: occorre una mano bene allenata e capace di disegnare senza esitazioni anche nelle condizioni più caotiche e disagevoli, e riuscire a farlo velocemente per centinaia di volte. Mai come in questo caso fotografia e grafica sono fuse insieme e la Polaroid diventa una piccola opera d'arte, unica e firmata dall'Autore!

Testo Francesca Giardiello
Foto © Rino Giardiello 2002

Rino Giardiello ©



L'evento è stato riportato anche sulla rivista"ALLURE"
di giugno 2002


A sinistra la copertina, sotto la pagina interna







Rino Giardiello ©